Nel 2005 nasce la linea  Max Lelli High Technology BIkes, prodotte sino al 2018

Nel 2005 nasce la linea Max Lelli High Technology BIkes, prodotte sino al 2018

Max Lelli dopo aver partecipato a 14 Tour de France, vari Giri d’Italia, Vuelta d’Espana e Mondiali, una volta sceso dalla bicicletta e dopo aver dato e ricevuto molto dal ciclismo professionistico, volle dare un senso all’esperienza acquisita sulle strade di tutto il mondo.

I grandi risultati ottenuti lo avevano e lo fanno ancora  amare dal grande pubblico; vittorie, piazzamenti, tante soddisfazioni ottenute sia in corse a tappe che cronometro che gare di un giorno.

Sfruttare la propria esperienza attraverso la passione di sempre era doveroso e la collaborazione con un Equipe di Biomeccanici e Telaisti di professione permise lo sviluppo di quella che allora fu una nuovissima gamma di biciclette L’incontro con PiroDesign* (Frabrizio Pirovano) fece nascere un telaio dalle linee eleganti ed armoniose ma dal cuore solido e rigido. Dal carro di centro, si sviluppava una struttura solida, quasi monolita studiata per la Performance, la tecnologia del monoscocca ad alto modulo e la Nanotecnologia permisero di stampare magnifici telai, corretti nelle angolazioni, compatti e precisi nella conduzione di guida e dal peso contenuto.

Tutto questo grazie alla scelta di produrre presso uno degli stabilimenti tecnologicamente più avanzati sul mercato, dove grazie agli studi aerospaziali e di ricerca iniziati sin dal 1988, si riuscì ad avere a disposizione il know-how e le varie tecniche produttive brevettate (CFPF, Continue Fiber Pre-form). Queste garantirono principalmente tripla rigidità, tripla forza e un estetica piacevolmente muscolare nella propria continuità delle fibre.

 

 

MAX – EXPERIENCE: esperienza garantita dal massimo esperto.
MAX – PERFORMANCE: la massima prestazione ottenibile, ed in sicurezza.
MAX – LELLI BIKE garanzia della qualità certificata dai test. Il corridore Maremmano, aveva raccolto nei suoi lunghi anni di carriera professionistica un’esperienza unica, passando dai materiali utilizzati nei primi anni 80 in acciaio e poi alluminio sino alle recenti costruzioni in materiale composito, tutta questa conoscenza venne messa a disposizione dell’appassionato esigente, ma anche di chi si avvicinava al nostro sport per la prima volta. In questo modo si raggiunse il giusto equilibrio tra performance, comodità e facilita di guida, che rappresentarono le caratteristiche del nuovo Brand. I telai Max- Lelli nacquero dopo studi appropriati con il disegnatore che dopo aver ricevuto le direttive su angoli e zone di carico del triangolo principale utilizzò programmi specifici in 3D. Questo permetteva di realizzare il prototipo in resina sul quale venica controllato l’assemblaggio e la grafica, prima della scelta dei più adeguati componenti che sarebbero andati a completare armoniosamente il prodotto finito. Il prototipo permetteva così di valutare la struttura e l’areodinamicità del telaio che veniva poi realizzato in fibra di carbonio 3K.

L'attività ebbe successo sin dall'inizio ma non  essendo una grande realtà commerciale non riuscì a trovare i giusti canali di vendita dove invece la concorrenza era forte e varia; vennero  quindi meno  i presupposti per giustificare  gli  impegnativi investimenti che il progetto doveva affrontare e così, nel 2018,  la produzione venne sospesa definitivamente.